Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza degli utenti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Mercoledì, 15 Febbraio 2017 00:00

Comunicazione OPC con Secure Link su IoT Cloud

Scritto da

L9327 rsz pm softing iot cloud cmyka nuova versione della Suite dataFEED OPC di Softing include ora un connettore MQTT, rendendo semplice e sicuro il trasferimento dei dati su IoT Cloud.Con la Suite dataFEED OPC di Softing, è ora possibile implementare facilmente un´applicazione sicura di dati su IoT cloud.

Il nuovo Connettore MQTT permette l´integrazione dei dispositivi di automazione tramite la funzionalità MQTT Publisher nelle applicazioni IoT cloud, per es. IBM Bluemix Cloud. La massima sicurezza durante la trasmissione è garantita tramite la crittazione dei dati mediante SSL/TLS. »Un elemento chiave per l´implementazione di successo di Industrie 4.0 sono la disponibilità e l´analisi dei dati di produzione.

Per i costruttori di sistemi, gli operatori e gli amministratori IT, la questione cruciale è come e dove immagazzinare e analizzare grandi quantità di dati in modo sicuro e conveniente.

E´ qui che proponiamo la nostra soluzione», afferma Andreas Roeck, Product Manager Data Integration presso Softing Industrial Automation. La Suite dataFEED OPC di Softing combina funzionalità OPC Server e OPC Middleware in una soluzione software compatta.

Il gateway MQTT integrato permette la facile integrazione di controllori legacy e nuovi nelle soluzioni IoT. E´ altresì possibile integrare componenti senza il supporto MQTT come, per esempio, i controllori Siemens, B&R e Rockwell.

L´interfaccia utente avanzata con configurazione semplificata e una guida utente intuitiva è stata progettata per rendere eccezionalmente facile a produttori di impianti e ingegneri di manutenzione la rapida e semplice configurazione della loro comunicazione IoT.

Il design modulare della suite offre all´utente la massima flessibilità possibile, perché è necessaria una licenza solo per la funzionalità richiesta. Ulteriori informazioni sulla Suite dataFEED OPC sono disponibili all´indirizzohttp://www.softingitalia.it/prodotti/comunicazione-industriale/datafeed-opc-suite.html

Nota: questo portale non è legato alle aziende e ai prodotti che vengono presentati da alcun rapporto di natura commerciale

9157 logidrive 300NORD DRIVESYSTEMS offre ora unità di azionamento standardizzate in tre versioni, ad alta efficienza e di facile assistenza per i tipici requisiti delle applicazioni di movimentazione. La linea di sistemi LogiDrive permette una selezione più rapida dell´azionamento per la giusta applicazione e consente una notevole riduzione delle versioni a poche unità meglio gestibili. Motori sincroni IE4 con potenza nominale di 1,1 kW, 1,5 kW e 2,2 kW sono combinati con riduttori ad assi ortogonali a 2 stadi per gamme di velocità di 0-565 giri/min (taglia 1) o 0-482 giri/min (taglie 2 e 3). La trasmissione è ha velocità variabili con continuità nella gamma da 1 a 500. Inverter decentrati per l´installazione sul telaio del trasportatore vicino al motore assicurano un´accessibilità ottimale. Gli azionamenti sono dotati di un sezionatore e di un interruttore a chiave per il distacco dal sistema di controllo dell´impianto e di un ulteriore interruttore direzionale per il set-up locale.Figura: Tre configurazioni LogiDrive standardizzate di NORD DRIVESYSTEMS controllano in modo efficiente le applicazioni di movimentazione e semplificano la gestione delle varianti

I sistemi LogiDrive sono stati progettati per trasportatori orizzontali o inclinati. Essi  integrano le funzioni di sicurezza STO e SS1 in conformità alle norme DIN EN 61800-5-2 e DIN EN 60204-1. I motori sono caratterizzati da un´elevata capacità di sovraccarico. Il sistema è modulare: si può intervenire separatamente in ogni componente. Ciò riduce significativamente i costi di manutenzione e riparazione. NORD integra tutte le interfacce fieldbus e Industrial Ethernet standard  direttamente nell´azionamento vettoriale a c.a.. I sistemi LogiDrive offrono prestazioni affidabili in ogni parte del mondo e sono adatti sia per la frequenza di 50 Hz che per quella di 60 Hz.

website www.nord.com

Nota: questo portale non è legato alle aziende e ai prodotti che vengono presentati da alcun rapporto di natura commerciale

9162 MAC0004235 rgbMaggiore potenza e distanze di trasmissione più lunghe

Il nuovo WIS 2 (Wireless Inductive System 2) completa la gamma dei prodotti Pepperl+Fuchs per il collegamento wireless dei sensori a parti mobili della macchina, tramite un sistema ad elevate prestazioni.Immagine 1: WIS 2: componente primario e secondario

Il WIS 2 è utilizzato per la trasmissione del segnale e per alimentare i sensori collegati al componente secondario, rendendo ridondanti i cavi flessibili e i contatti rotanti soggetti a usura.
Il WIS 2 supporta potenze nominali fino a 12 W su distanze di trasmissione di 0...7 mm rispetto a 1,5 W e 0...5 mm del WIS 1, già disponibile sul mercato da tempo. Oltre alla versione a 8 canali, è ora disponibile un modello a 2 canali, per applicazioni fino a due sensori.

Tutte le varianti di sistema utilizzano un trasmettitore primario ed uno secondario, per due e otto canali. Sono disponibili nel formato M30, in un design cilindrico e sono dotati di cavi da 30 cm e connettori M12.
Poiché i trasmettitori non sono abbinati, i trasmettitori secondari sono liberamente intercambiabili. Ad esempio, qualsiasi porta-pezzi può facilmente comunicare tramite lo stesso sistema.
I sensori adatti sono i sensori induttivi, capacitivi, ottici, ad ultrasuoni con uscita di commutazione binaria e tecnologia di connessione standard a 3 fili.
Il sistema a 2 canali utilizza uno splitter Y salvaspazio, mentre il sistema a 8 canali ha una morsettiera a 8 vie con grado di protezione IP67, che può essere installato fino a 20 metri di distanza dal trasmettitore.
Pepperl+Fuchs offre un'ampia selezione di cavi di lunghezze diverse e connettori per ogni applicazione.


Le applicazioni più frequenti comprendono il cambio degli strumenti su tavole rotanti o nelle presse, il rilevamento di oggetti su carriers e strumenti rotanti, bracci di presa dei robot e dispositivi analoghi.


L'automazione è il nostro mondo. Le applicazioni perfette sono il nostro obiettivo.

website www.pepperl-fuchs.com

Nota: questo portale non è legato alle aziende e ai prodotti che vengono presentati da alcun rapporto di natura commerciale

Mercoledì, 25 Gennaio 2017 00:00

L’azionamento intelligente il controllo locale

Scritto da

9195 plc appl interrupt 300Grazie alla possibilità di funzionamento sia centralizzato che autonomo

Figura: caso di un distacco intenzionale o accidentale del sistema di controllo centrale, il PLC dell´inverter può eseguire procedure preprogrammate per tenere in funzione l´applicazione o portarla in uno stato di stallo definito

Gli inverter NORD DRIVESYSTEMS possono reagire in modo flessibile nel caso di interruzione della comunicazione con il sistema di controllo centrale. Il PLC preprogrammato di bordo può assumere il controllo, entrare in uno stato definito per arrestare le operazioni o tenere in funzione l´applicazione. Negli impianti di processo ciò può aiutare ad evitare costi addizionali, per esempio prevenendo lotti difettosi. Negli stabilimenti di produzione, è possibile mantenere il flusso dei materiali. Poiché gli azionamenti intelligent NORD sono dotati di varie interfacce e sono in grado di valutare i dati di sensori e attuatori, è assicurata l´integrazione ottimale nell´applicazione. La capacità di controllo autonomo ha ovviamente altri usi al di là degli scenari di emergenza. In alcuni casi, gli utenti potrebbero voler commutare deliberatamente l´azionamento intelligente sul controllo locale. Per il set-up, il collaudo o la manutenzione, l´inverter distribuito può essere dotato di selettori addizionali per impostare manualmente la direzione dell´azionamento e controllarne la velocità.

Le funzioni del PLC integrato sono programmate mediante i linguaggi testuali "Testo strutturato" o "Lista istruzioni" IEC 61131-3.

Per lo sviluppo trasparente e intuitivo delle applicazioni, è disponibile il software NORD CON gratuito e senza costi di licenza.

website www.nord.com

Nota: questo portale non è legato alle aziende e ai prodotti che vengono presentati da alcun rapporto di natura commerciale

9214 IO link Memory ModulBalluff offre un modulo di memoria dati bidirezionale compatto per spazi di montaggio ristretti. Il modulo di memoria compatto con protezione IP 67 ha delle dimensioni di soli 34 x 16 x 8 mm e può essere utilizzato come dispositivo di memoria di stoccaggio su unità intercambiabili come le teste di fresatura sui centri di lavoro a portale.Ciò significa che i gruppi possono portare con sè i loro dati operativi correnti. Con il seguente vantaggio: Quando si cambia macchina, tutti i dati come il numero dei cicli d’usa, i valori di urti e vibrazioni o gli intervalli di lubrificazione e cambio dell’olio sono caricati direttamente.

Il lavoro richiesto per installare e parametrizzare il modulo è minimo. E’ necessario solo un singolo cavo standard per la trasmissione dati bidirezionale stabile e senza errori fra la testa di fresatura e il controllore. Il cavo è collegato all’interfaccia della testa di fresatura nell’anello di sistema. La trasmissione dati è immune al rumore e resistente agli effetti EMC. Il modulo può memorizzare un totale di 14 segmenti di 64 byte ciascuno.

Gli operatori di macchine potranno trarre vantaggio dal fatto che quando si sposta una testa di fresatura da una macchina a un’altra, tutti i dati di identificazione e utilizzo vengono automaticamente copiati e caricati dalla memoria della testa di fresatura al controllore CN tramite un cavo. Quando è richiesto un lavoro di manutenzione o riparazione, il personale di assisenza può leggere tutti i dati dal chip di memoria su un PC o laptop e, se necessario, aggiornarli. Questo offre agli operatori d’impianto informazioni continue e trasparenti sullo stato corrente della  testa di fresatura.

Ancora una volta, l’IO-Link si dimostra una tecnologia chiave per i concetti Industry 4.0 ad alte prestazioni e salvaspazio.

website http://www.balluff.it

Nota: questo portale non è legato alle aziende e ai prodotti che vengono presentati da alcun rapporto di natura commerciale

Nel 2015, il Safety Communication Layer di BiSS Safety è stato confermato dal TÜV Rhineland per la sua adeguatezza per le comunicazioni di sicurezza fino a SIL3 compreso. In futuro, Hengstler offrirà questo protocollo per il suo portafoglio di encoder rotativi al fine di rispondere alla costante crescita delle applicazioni di sicurezza.Dal 2007, Hengstler offre encoder che utilizzanlo lo standard di comunicazione aperto BiSS C. Tra i suoi evidenti vantaggi vi sono il costante collegamento dati ai partecipanti del bus, le elevate velocità di trasmissione e le licenze gratuite. Il BiSS Safety Protocol di nuova introduzione si basa al 100% sul BiSS C. Hengstler GmbH, con sede ad Aldingen (Germania sud occidentale) ha un’enorme esperienza derivante da innumerevoli applicazioni di successo in cui i suoi encoder giocano un ruolo affidabile.

Hengstler vede un enorme potenziale nel campo della sicurezza funzionale in combinazione con le linee guida macchine in continua crescita, che incrementano il numero delle applicazioni di sicurezza. A tale scopo, la struttura di sistema interna dell’encoder è espansa da una combinazione di blocchi disponibili. Il Safety Communication Layer di BiSS Safety è stato certificato secondo IEC 61784-3: 2010 e IEC 61508 Part1-7:2010. E’ quindi adatto per le comunicazioni di sicurezza fino a SIL3.

Ciò significa che BiSS Safety, unito agli encoder rotativi Hengstler, combinerà effetti positivi dai due mondi. Il cliente può avere la certezza che Hengstler estenderà con successo il portafoglio di encoder con BiSS Safety, grazie alla sua decennale esperienza con il BiSS. Dall’altro lato, gli utenti beneficeranno di fornitori differenti, che offrono un protocollo indipendente dal produttore per la trasmissione sicura dei dati.

website http://www.hengstler.de/en/

Nota: questo portale non è legato alle aziende e ai prodotti che vengono presentati da alcun rapporto di natura commerciale

Pagina 5 di 35

.